Adotta una Parola … per un anno

La SocietĂ  Dante Alighieri ha organizzato una simpatica iniziativa in occasione del primo Festival della letteratura che si terrĂ  a Milano il prossimo 6 giugno.

Il nome dell’iniziativa è “parole per un anno” e consiste nelPrimo Festival Letteratura trovare una parola che dovrĂ  essere associata  ad uno specifico giorno dell’anno e illustrata utilizzando le parole proprie (o eventualmente testi altrui).
Citando dal programma:
“Poeti, intellettuali, traduttori e scrittori a caccia di parole. A ognuno è concesso trovare una parola, per poi dover spiegare il perché della loro scelta. La loro parola dovrà essere associata ad un giorno dell’anno, e con essa dovranno costruire una frase, ricavandola da testi propri o altrui. Da queste parole prenderà le mosse un dibattito che avrà lo scopo di coinvolgere i presenti, i quali, a loro volta, dovranno indicare delle proprie parole e costruirvi sopra nuove frasi. Un progetto lungo 365 giorni, che proseguirà in rete dopo la chiusura del Festival, e premierà i selezionatori e i commentatori migliori”.
Massimo Arcangeli coordinerà l’iniziativa della Società Dante Alighieri e a cui prenderanno parte Alberto Graffi, Ale Agostini (partner di Agostini Associati), Viola Di Grado, Filippo La Porta, Stefania Rabuffetti, Antonio Riccardi e Paola Soriga.
Qualcuno dei partecipanti sceglierà “itanglese” come parola da adottare?
A che giorno dell’anno potrebbe essere associata secondo voi?


3 Commenti in “Adotta una Parola … per un anno”

  • Roberto ha scritto il 4 giugno 2012 - 18:15

    Purtroppo la parola “itanglese” sarebbe una parola che rappresenta ogni giorno perche’ ormai gli italiani parlano “itanglese” e non piu’ italiano. Rispetto agli altri paesi europei, gli italiano non rispettano la propria lingua…pensano che siano superiori le altre. vergogna!

  • Remo ha scritto il 14 giugno 2012 - 22:46

    Il problema è che sono iniziativa di pure facciata, tanto per dire “ho fatto qualcosa”, ma alla fine si rivelano per la loro inutilitĂ .
    La vera trovata sarebbe quello di impegnarsi ad usare una parola italiana invece di un inglesismo, tanto per dimostrate che anche una comunicazione trasparente e rispettosa del proprio idioma è possibile e non ridicola.

  • Paola ha scritto il 1 agosto 2012 - 8:50

    La mia parola è “bisesto” ed è associata al 29 febbraio, che è anche il giorno del mio compleanno.

    http://www.treccani.it/vocabolario/bisesto/
    http://www.lessicografia.it/BISESTO

    La frase in cui ricorre spesso e che riaffiora sulla bocca di tutti ogni 4 anni Ă©:
    “Anno Bisesto, anno funesto“

    ma sarĂ  vero?
    :)

Scrivi un commento

Utilizza gravatar per personalizzare la tua immagine


Copyright © 2014 StopItanglese – Italiani si nasce, Itanglesi si diventa. Agenzia di Traduzioni Agostini Associati
Massimo Arcangeli | Facoltà di Lingue e letterature Straniere - Università di Cagliari